Al momento stai visualizzando L’algoritmo per il cambiamento comportamentale per la risoluzione dei conflitti non violenta ed efficace

L’algoritmo per il cambiamento comportamentale per la risoluzione dei conflitti non violenta ed efficace

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Blog

In entrambi i rapporti personali e professionali, il conflitto è una parte inevitabile dell’interazione umana.

Può essere difficile navigare questi conflitti senza sentirsi respinti, inadeguati o bloccati. Tuttavia, è importante imparare come risolvere i conflitti e guidare il cambiamento comportamentale in modo efficace e rispettoso. Questo articolo trae ispirazione dai libri di Thomas Erickson e utilizza tecniche pratiche orientate alla soluzione, nonché la neuroscienza della neuroplasticità.

Scritto da Suzanne Pilch, una coach certificata ICF ed esperta di comunicazione, questo articolo mira ad aiutare le persone che lottano con traumi, bassa autostima e CPTSD a diventare più sicure e efficaci nel comunicare ciò di cui sentono il bisogno di cambiare nella loro vita. Comprendendo e applicando queste tecniche, i lettori saranno in grado di affrontare il conflitto con una mentalità positiva e produttiva, portando alla creazione di relazioni più forti e sane sia a casa che sul posto di lavoro.

Le conseguenze fisiologiche della comunicazione negativa per le persone con bassa autostima e CPTSD

Il comportamento e la comunicazione degli altri possono essere particolarmente dannosi per le persone con bassa autostima e i sopravvissuti al CPTSD a causa delle conseguenze fisiologiche dello stress. Quando queste persone sono esposte a comportamenti o comunicazioni negative, possono innescare la liberazione di ormoni dello stress, come il cortisolo e l’adrenalina, che possono avere un impatto significativo sulla loro salute fisica e mentale.

L’esposizione prolungata allo stress può portare a una serie di sintomi fisici e psicologici, tra cui stanchezza, irritabilità, ansia, depressione e disturbi del sonno. Può anche portare a problemi di salute più gravi, come malattie cardiovascolari, obesità e diabete. Inoltre, lo stress può avere un profondo impatto sul cervello. Può compromettere la funzione cognitiva, compresa la memoria, l’attenzione e la capacità decisionale, rendendo più difficile per le persone elaborare le informazioni e rispondere efficacemente ai conflitti.

Lo stress può anche causare cambiamenti nella struttura e nella funzione del cervello, portando a conseguenze a lungo termine per la regolazione emotiva e il comportamento.

Per le persone con bassa autostima e / o per i sopravvissuti al CPTSD, gli effetti dello stress possono essere ancora più significativi. Le credenze e le emozioni negative associate a queste condizioni possono aumentare la probabilità di sperimentare lo stress ed esacerbare le sue conseguenze fisiologiche.

Pertanto, è essenziale gestire i conflitti e la comunicazione con cura e sensibilità, poiché il comportamento e la comunicazione negativi possono avere conseguenze fisiologiche significative. Creando un ambiente sicuro e di supporto, gli individui possono ridurre l’impatto dello stress sulla loro salute fisica e mentale, consentendo loro di comunicare in modo più efficace e risolvere i conflitti in modo costruttivo.

Ecco i passaggi che dovremmo affrontare insieme per assicurare che tu raggiunga il tuo obiettivo di cambiare il comportamento di qualcuno, senza aggravare il conflitto o mettere te stesso in pericolo.

Primo Step: Costruire La Consapevolezza

Finché la tua comunicazione riguardante il comportamento che ti mette a disagio rimane invariata, anche quel comportamento rimarrà intatto. Io e te impareremo come rompere quel “contratto di comunicazione tossica” in modo che tu ti senta al sicuro e che non scateni flashback. Si tratta di far sì che il cervello conosca in anticipo l’algoritmo di comunicazione corretto, in modo da permetterti di esprimere chiaramente ciò che stai vivendo.

Secondo Step: Le Parole Sono Fondamentali E Vanno Scelte Con Cura

Potrebbe essere utile considerare di parlare direttamente con l’altra persona riguardo a ciò che sta accadendo, invece di sentirsi giù sul lavoro o a casa. Ricorda, gli altri potrebbero non essere in grado di capire ciò che pensi o senti senza comunicazione. Potrebbe essere utile affrontare la conversazione in modo calmo e in un luogo privato. Non devi fare grandi sforzi per farlo accadere, ma è importante assicurarsi di avere abbastanza tempo per discutere le cose senza interruzioni. Per evitare fraintendimenti, potrebbe essere utile pianificare cosa vuoi dire. Ecco un framework che puoi modificare per adattarlo alla tua situazione:

Terzo Step: L’Algoritmo

Ecco il flusso che dobbiamo seguire per rendere le nostre richieste di cambiamento comportamentale accettabili per gli altri e sicure da formulare per noi:

  1. Quando tu … (descrive ciò che la persona sta facendo che vuoi che smetta di fare)
  2. Io mi sento … (descrive esattamente quale tipo di sentimento negativo viene creato)
  3. Se smettessi di … (il comportamento che contesti) e invece … (descrive quale tipo di comportamento vuoi vedere in questa situazione)
  4. Allora io sentirò … (descrive esattamente quale sentimento vuoi avere con la tua partner / capo / collega / madre o chiunque sia la persona)

È importante comunicare in modo chiaro ed efficace per garantire che il tuo messaggio sia compreso e per incoraggiare l’altra parte ad ascoltare. Un approccio che può essere utile è utilizzare esempi specifici ed esprimere i propri sentimenti in modo calmo e rispettoso. Ad esempio, potresti dire qualcosa come:

Quando parli con me alzando la voce, mi fai sentire spaventata e preoccupata. Ti sarei grata se potessi chiedermi le cose con tono calmo, poiché questo mi farebbe sentire più rispettata e valorizzata.

Un altro esempio potrebbe essere: “Quando parli sempre della tua solitudine, mi sento inadeguata e infelice. Potresti invece parlarmi di cosa hai fatto oggi? Questo mi farebbe sentire più tranquilla e sicura”.

Se ti senti sicuro, potresti anche provare: “Quando mi incolpi dei tuoi problemi di salute, mi fai sentire colpevole e impotente. Invece di restare a letto, potresti provare a alzarti e fare qualcosa di produttivo? Questo mi aiuterebbe a vedere che possiamo lavorare insieme per rendere questa relazione più forte.”

Utilizzando questo approccio, potresti essere in grado di rompere il modello di comunicazione negativa e creare un esito più positivo.

Quarto Step: Ricorda, è una scelta.

Un modo per concludere efficacemente una conversazione e garantire la comprensione reciproca è utilizzare una dichiarazione del genere:

“Capisco che è tua decisione urlare/piangere/incolpami, ma è importante che tu sappia che mi fa sentire infelice/paura/inutile/insicuro.” Questo approccio è utile perché può cogliere di sorpresa l’altra persona e dimostrare che vedi il loro comportamento come una scelta consapevole.

Inoltre, assumendoti la responsabilità delle tue emozioni, eviti di rimanere invischiato in una discussione potenzialmente improduttiva. In definitiva, spetta all’altra persona rispondere in modo razionale e ragionevole.

#CPTSD #RipresaDalTrauma #PercorsoDiGuarigione #VergognaTossica #AutoCompassione #SensibilizzazioneSullaSaluteMentale #GuarigioneDellaSaluteMentale #GuarigioneMente-Corpo #LavoroSull’InnerChild #SelfCare #TerapiaFunziona #Autostima #CambiamentiPositivi #BenessereMentale #TerapiaDelTrauma #ScopertaDiSé #Resilienza #SaluteMentaleImporta #NonSeiSolo #GuarigioneEmotiva #RompiIlCiclo #CresciAttraversoCiòCheVivi #LaGuarigioneèPossibile #ComunicazioneEffettiva #Relazioni #RisoluzioneDeiConflitti #Empatia #AscoltoAttivo #ComunicazionePositiva #Autoconsapevolezza #IntelligenzaEmotiva #ComunicazioneRispettosa #FeedbackCostruttivo.