Al momento stai visualizzando L’importanza del Dolore Per la Libertà Emotiva
CPTSD and Trauma are frequently at the core of our low mood and feeling of despair and hopelessness

L’importanza del Dolore Per la Libertà Emotiva

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Blog

Suzanne Pilch, ICF Certified Coach

Come individui, è importante capire che il perdono non è sempre semplicemente scegliere di lasciar andare le ferite del passato.

Infatti, a volte quando cerchiamo di perdonare senza elaborare adeguatamente le nostre emozioni, stiamo in realtà seppellendo il nostro dolore ancora più in profondità, il che può impedirci di sperimentare il vero perdono e di vivere una vita pienamente emotiva.

Per accedere davvero alla nostra natura emotiva, dobbiamo scavare attraverso i strati di vecchio dolore emotivo che sono stati sepolti dentro di noi, spesso sin dall’infanzia.

Questo processo di scavare può essere doloroso, ma è necessario per liberare i cadaveri emotivi delle nostre perdite passate e muoverci verso una rinascita.

Purtroppo, la nostra cultura spesso ci scoraggia dal piangere, anche quando subiamo grandi perdite come la morte. Questo può essere ricondotto alla nostra infanzia, dove spesso ci venivano nascoste le realtà più dure e, di conseguenza, non abbiamo mai imparato come gestire il dolore o piangere in modo sano. Molti di noi sono stati insegnati che mostrare emozioni, in particolare la tristezza, fosse debolezza o inaccettabile.

Non sorprende che portiamo con noi così tanto dolore non elaborato, spesso senza neanche accorgercene. Ma negandoci l’opportunità di piangere, ci causiamo solo sofferenza inutile. Il lutto è infatti una parte necessaria del processo di guarigione, che ci permette di liberarci da alleanze poco sane con le vecchie regole familiari e riconoscere il dolore della nostra infanzia.

Attraverso il lutto, possiamo cominciare a lasciare andare il passato e muoverci verso una vita adulta più sicura di sé e che ama la vita. È importante incoraggiarsi a sé stessi ad abbracciare il processo di lutto e non avere paura di lasciare andare il passato. In questo modo, si può sperimentare una vera libertà emotiva e vivere una vita più appagante.

Pete Walker scrive: se non ci è permesso di piangere la morte, quanto siamo restii a piangere altre perdite significative? Fino ai trent’anni non mi sarebbe mai venuto in mente di piangere per la morte di un lavoro o di una relazione. Fino a poco tempo fa, quasi nessuno piangeva per una delle più grandi perdite di tutte: la morte del buon volere dei genitori durante l’infanzia. Non è sorprendente che molti di noi portino pesi enormi di dolore represso. Quanto soffriamo inutilmente per essere privati del sollievo unico che viene solo attraverso il dolore. Piangere, come nient’altro, ci libera dai nostri intrecci di tensione e distrazione. Possiamo lasciare andare le alleanze malsane con le vecchie regole familiari che non ci permettono di riconoscere il dolore della nostra infanzia. Non dobbiamo più sperperare la nostra vitalità imprigionando i nostri ricordi e proteggendoci dalla fuga del nostro dolore. Il Tao del Sentire Appieno: Raccolta del Perdono fuori dalla Colpa

Le Strategie Per Lenire il Dolore

Affrontare il dolore può essere un’esperienza difficile, ma è importante sapere che fa parte della normale esperienza umana.

Come tuo coach, sono qui per aiutarti a imparare come gestire il dolore in modo costruttivo. Ecco alcune strategie che possono aiutare:

  • Normalizza il dolore: va bene sentirsi tristi, delusi o feriti quando accade qualcosa di difficile. Ti incoraggio ad esprimere le tue emozioni apertamente e onestamente, senza paura di giudizio.
  • Identifica i tuoi trigger: ognuno sperimenta il dolore in modo diverso ed è importante identificare i tuoi trigger unici. Possiamo lavorare insieme per sviluppare strategie per gestirli quando si presentano.
  • Pratica meccanismi di coping sani: invece di rivolgersi a meccanismi di coping malsani, come l’abuso di sostanze o l’evitamento, possiamo sviluppare meccanismi di coping sani. Ciò potrebbe includere la pratica della consapevolezza, l’attività fisica o trascorrere del tempo con i propri cari.
  • Sii gentile con te stesso: è importante essere gentili e compassionevoli con se stessi, soprattutto quando si sta vivendo il dolore. Possiamo lavorare sulla pratica dell’autocura, come ottenere abbastanza riposo, mangiare bene e dedicarsi ad attività che ti piacciono. Posso anche aiutarti a riformulare il dialogo interno negativo e sostituirlo con affermazioni positive.

Ricorda, affrontare costruttivamente il dolore è una competenza che può essere sviluppata con la pratica e la guida. Imparando queste strategie, puoi condurre una vita più felice e appagante. Sono qui per sostenerti in ogni passo del percorso.

#CPTSD #TraumaRecovery #HealingJourney #ToxicShame #SelfCompassion #MentalHealthAwareness #MentalHealthRecovery #MindBodyHealing #InnerChildWork #SelfCare #TherapyWorks #SelfEmpowerment #PositiveChanges #MentalWellness #TraumaTherapy #SelfDiscovery #Resilience #MentalHealthMatters #YouAreNotAlone #EmotionalHealing #BreakTheCycle #GrowThroughWhatYouGoThrough #HealingIsPossible #EffectiveCommunication #Relationships #ConflictResolution #Empathy #ActiveListening #PositiveCommunication #SelfAwareness #EmotionalIntelligence #RespectfulCommunication #ConstructiveFeedback